NESSUN RAPIMENTO SEGRETO DELLA CHIESA, PRIMA DELLA GRANDE TRIBOLAZIONE

Nessun rapimento segreto della chiesa, PRIMA della Grande Tribolazione. Perchè?

Perchè se fosse vero che la chiesa verrebbe rapita, in segreto, PRIMA della Grande Tribolazione, servirebbero TRE RISURREZIONI. Invece le Scritture parlano SOLO di DUE risurrezioni. Una dei giusti e una degli ingiusti.

Piccola premessa: Concentro questo breve scritto sulla PRIMA risurrezione che è quella che interessa ai credenti che attendono il ritorno del Salvatore Gesù cristo. La SECONDA risurrezione, come è noto quasi a tutti, si tratta del Giudizio Universale che avverrà DOPO che Gesù Cristo regnerà sulla terra per mille anni, insieme alla chiesa (Millennio). Infatti nella SECONDA risurrezione avverrà che, uomini e donne malvagi di tutti i tempi, saranno risuscitati con i loro corpi, per essere giudicati secondo le loro opere. Chi NON sarà trovato scritto nel libro della vita sarà gettato nello stagno di fuoco, per l’eternità: “Poi vidi un gran trono bianco e Colui che vi sedeva sopra, dalla cui presenza fuggiron terra e cielo; e Continua a leggere

Annunci

Il giusto giudizio di Dio

 Il giusto giudizio di Dio

giusto-giudizio-di-Dio- piccola

Se Dio ha preparato il fuoco eterno per il diavolo e i suoi angeli (Matteo 25:41), come luogo di punizione eterna, ciò significa che secondo il Suo giudizio essi meritano di passare l’eternità tormentati dal fuoco. E se ha decretato che i codardi, gl’increduli, gli abominevoli, gli omicidi, i fornicatori, gli stregoni, gli idolatri e tutti i bugiardi, devono anch’essi passare l’eternità in questo luogo di tormento (cfr. Apocalisse 21:8), anche questo significa che secondo il Suo giudizio costoro sono meritevoli di questa punizione. Un giudizio ingiusto? Così non sia. Poichè Egli ama la giustizia. Temiamo Dio, fratelli. Egli è un fuoco consumante. A Lui sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen

Giacinto Butindaro

Fonte:http://giacintobutindaro.org/2015/09/01/il-giusto-giudizio-di-dio/

Il velo: un comandamento con un’applicazione permanente e universale

Il velo: un comandamento con un’applicazione permanente e universale

donne col veloOggi, molti pastori affermano che quello sul velo, dato dall’apostolo Paolo, era solo un consiglio con una applicazione locale e temporanea.

Vediamo quindi cosa dice Paolo ai Corinzi per vedere se le cose stanno come dicono costoro. “Ma io voglio che sappiate che il capo d’ogni uomo è Cristo, che il capo della donna è l’uomo, e che il capo di Cristo è Dio. Ogni uomo che prega o profetizza a capo coperto, fa disonore al suo capo; ma ogni donna che prega o profetizza senz’avere il capo coperto da un velo, fa disonore al suo capo, perché è lo stesso che se fosse rasa. Perché se la donna non si mette il velo, si faccia anche tagliare i capelli! Ma se è cosa vergognosa per una donna il farsi tagliare i capelli o radere il capo, si metta un velo.Poiché, quanto all’uomo, egli non deve velarsi il capo, essendo immagine e gloria di Dio; ma la donna è la gloria dell’uomo; perché l’uomo non viene dalla donna, ma la donna dall’uomo; e l’uomo non fu creato a motivo della donna, ma la donna a motivo dell’uomo. Perciò la donna deve, a motivo degli angeli, aver sul capo un segno dell’autorità da cui dipende. Continua a leggere