La Famiglia di Gesù Cristo

La Famiglia di Gesù Cristo

Gesù Cristo era figlio unico o Maria ebbe altri figli?

Se analizziamo bene le scritture, scopriamo che Gesù NON è stato figlio unico, perché, dopo la nascita di Gesù, Maria ebbe dei figli con Giuseppe. Infatti i Vangeli dicono che Gesù aveva dei fratelli che si chiamavano: Giacomo, Giosè, (o Giuseppe), Giuda e Simone. Aveva anche delle sorelle, di cui una si chiamava Salome o Salomè.

Per primo leggiamo nei Vangeli, dove si parla della nascita di Gesù, per capire se Maria è stata sempre vergine, oppure no: Continua a leggere

Annunci

LA DEITA’ CHE NOI ADORIAMO – E’ UNA TRI-UNITA’

Il Padre – la Parola – lo Spirito Santo

Vediamo di chiarire, con la scrittura, alcuni punti:

La divinità che noi chiamiamo Dio è composta da più di una persona. Infatti dalle scritture si evince che la Divinità è composta dal Padre, dalla Parola, (il Figliuolo) e dallo Spirito Santo che è chiamato Spirito di Cristo, ( 1Pietro 1:11), o Spirito di Dio, riferendosi al Padre. Tutti e TRE insieme formano l’Unico vero Dio, per cui il Padre è Dio, la Parola (il Figliuolo) è Dio, lo Spirito Santo è Dio, NON tre Dii ma UNO SOLO. Per questo motivo possiamo dire che la Deità è una Tri-Unità. Tre persone distinte l’uno dall’altro, ognuna con una sua personalità, NON tre manifestazioni diverse dello stesso Dio, ma tre persone distinte e unite che formano UN SOLO DIO. Continua a leggere

GESU’ CRISTO E’ IL MESSIA PROMESSO DA DIO – NON ASPETTIAMO ALTRI!

GESU’ CRISTO E’ IL MESSIA PROMESSO DA DIO – NON ASPETTIAMO ALTRI!

Ci sono tanti passi nelle scritture che provano che il MESSIA promesso a Israele è Gesù Cristo. Infatti alcune PROFEZIE, che annunziavano la venuta, la nascita e vita del Messia, si SONO ADEMPIUTE CON LA NASCITA, VITA E MORTE DI GESU’ CRISTO. Leggiamo:

1) PROFEZIA:Isaia 7:15,16 “Perciò il Signore stesso vi darà un segno: Ecco, la giovane concepirà, partorirà un figliuolo, e gli porrà nome Emmanuele.”

ADEMPIMENTO: Matteo 1:18-23Or la nascita di Gesù Cristo avvenne in questo modo. Maria, sua madre, era stata promessa sposa a Giuseppe; e prima che fossero venuti a stare insieme, si trovò incinta per virtù dello Spirito Santo.19 E Giuseppe, suo marito, essendo uomo giusto e non volendo esporla ad infamia, si propose di lasciarla occultamente. 20 Ma mentre avea queste cose nell’animo, ecco che un angelo del Signore gli apparve in sogno, dicendo: Giuseppe, figliuol di Davide, non temere di prender teco Maria tua moglie; perché ciò che in lei è generato, è dallo Spirito Santo. 21 Ed ella partorirà un figliuolo, e tu gli porrai nome Gesù, perché è lui che salverà il suo popolo dai loro peccati. 22 Or tutto ciò avvenne, affinché si adempiesse quello che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: 23 Ecco, la vergine sarà incinta e partorirà un figliuolo, al quale sarà posto nome Emmanuele, che, interpretato, vuol dire: “Iddio con noi”. Vedi anche (Luca1:31-34) Continua a leggere

IN QUALE GIORNO GESU’ MORI’ E QUANDO RISUSCITO’?

IN QUALE GIORNO GESU’ MORI’ E QUANDO RISUSCITO’?

Prima di iniziare ricordiamoci che, per noi le giornate di ventiquattro ore si contano dalla mezzanotte alla mezzanotte. Mentre in Israele, in quel tempo, le giornate si contavano dal tramonto al tramonto. Ora, per poter comprendere bene in quale giorno Gesù morì, e quando è risuscitato, leggiamo nelle scritture, dove vengono riportati i fatti. Dobbiamo anche tenere in mente che: Il primo giorno della settimana in Israele è Domenica NON Lunedì.

Cominciamo con la sua risurrezione: Continua a leggere

Gesù Cristo è Dio Benedetto in Eterno

Gesù Cristo è Dio benedetto in eterno

gesu-cristo-e-dio-benedetto-in-eterno

Gesù Cristo – Colui che “è stato dato a cagione delle nostre offese, ed è risuscitato a cagione della nostra giustificazione” (Romani 4:25) – è “l’immagine dell’invisibile Iddio, il primogenito d’ogni creatura; poiché in lui sono state create tutte le cose che sono nei cieli e sulla terra; le visibili e le invisibili; siano troni, siano signorie, siano principati, siano potestà; tutte le cose sono state create per mezzo di lui e in vista di lui; ed egli è avanti ogni cosa, e tutte le cose sussistono in lui” (Colossesi 1:15-17), e “in lui abita corporalmente tutta la pienezza della Deità” (Colossesi 2:9). Egli è Dio benedetto in eterno (Romani 9:5). Perciò Lo adoriamo. A Lui sia la gloria ora e in eterno. Amen

Riscattati col prezioso sangue di Gesù Cristo……

Riscattati col prezioso sangue di Gesù Cristo……
“Perciò, avendo cinti i fianchi della vostra mente, e stando sobri, abbiate piena speranza nella grazia che vi sarà recata nella rivelazione di Gesù Cristo; 14 e, come figliuoli d’ubbidienza, non vi conformate alle concupiscenze del tempo passato quando eravate nell’ignoranza; 15 ma come Colui che vi ha chiamati è santo, anche voi siate santi in tutta la vostra condotta; 16 poiché sta scritto: Siate santi, perché io son santo. 17 E se invocate come Padre Colui che senza riguardi personali giudica secondo l’opera di ciascuno, conducetevi con timore durante il tempo del vostro pellegrinaggio;18 sapendo che non con cose corruttibili, con argento o con oro, siete stati riscattati dal vano modo di vivere tramandatovi dai padri, 19 ma col prezioso sangue di Cristo, come d’agnello senza difetto né macchia, 20 ben preordinato prima della fondazione del mondo, ma manifestato negli ultimi tempi per voi, 21 i quali per mezzo di lui credete in Dio che l’ha risuscitato dai morti e gli ha dato gloria, onde la vostra fede e la vostra speranza fossero in Dio. 22 Avendo purificate le anime vostre coll’ubbidienza alla verità per arrivare a un amor fraterno non finto, amatevi l’un l’altro di cuore, intensamente, 23poiché siete stati rigenerati non da seme corruttibile, ma incorruttibile, mediante la parola di Dio vivente e permanente. 24 Poiché Ogni carne è com’erba, e ogni sua gloria come il fior dell’erba. L’erba si secca, e il fiore cade; 25 ma la parola del Signore permane in eterno. E questa è la Parola della Buona Novella che vi è stata annunziata.” (1Pietro 1:13-25)

Giustificati dunque per fede, abbiam pace con Dio…….

Giustificati dunque per fede, abbiam pace con Dio…….
 “Giustificati dunque per fede, abbiam pace con Dio per mezzo di Gesù Cristo, nostro Signore, 2 mediante il quale abbiamo anche avuto, per la fede, l’accesso a questa grazia nella quale stiamo saldi; e ci gloriamo nella speranza della gloria di Dio; 3 e non soltanto questo, ma ci gloriamo anche nelle afflizioni, sapendo che l’afflizione produce pazienza, la pazienza esperienza, 4 e la esperienza speranza.5 Or la speranza non rende confusi, perché l’amor di Dio è stato sparso nei nostri cuori per lo Spirito Santo che ci è stato dato. 6 Perché, mentre eravamo ancora senza forza, Cristo, a suo tempo, è morto per gli empi. 7 Poiché a mala pena uno muore per un giusto; ma forse per un uomo dabbene qualcuno ardirebbe morire; 8 ma Iddio mostra la grandezza del proprio amore per noi, in quanto che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi.9 Tanto più dunque, essendo ora giustificati per il suo sangue, sarem per mezzo di lui salvati dall’ira. 10 Perché, se mentre eravamo nemici siamo stati riconciliati con Dio mediante la morte del suo Figliuolo, tanto più ora, essendo riconciliati, saremo salvati mediante la sua vita. 11 E non soltanto questo, ma anche ci gloriamo in Dio per mezzo del nostro Signor Gesù Cristo, per il quale abbiamo ora ottenuto la riconciliazione. 12Perciò, siccome per mezzo d’un sol uomo il peccato è entrato nel mondo, e per mezzo del peccato v’è entrata la morte, e in questo modo la morte è passata su tutti gli uomini, perché tutti hanno peccato… 13 Poiché, fino alla legge, il peccato era nel mondo; ma il peccato non è imputato quando non v’è legge. 14 Eppure, la morte regnò, da Adamo fino a Mosè, anche su quelli che non avean peccato con una trasgressione simile a quella d’Adamo, il quale è il tipo di colui che dovea venire. 15 Però, la grazia non è come il fallo. Perché, se per il fallo di quell’uno i molti sono morti, molto più la grazia di Dio e il dono fattoci dalla grazia dell’unico uomo Gesù Cristo, hanno abbondato verso i molti. 16 E riguardo al dono non avviene quel che è avvenuto nel caso dell’uno che ha peccato; poiché il giudizio da un unico fallo ha fatto capo alla condanna; mentre la grazia, da molti falli, ha fatto capo alla giustificazione. 17 Perché, se per il fallo di quell’uno la morte ha regnato mediante quell’uno, tanto più quelli che ricevono l’abbondanza della grazia e del dono della giustizia, regneranno nella vita per mezzo di quell’uno che è Gesù Cristo. 18 Come dunque con un sol fallo la condanna si è estesa a tutti gli uomini, così, con un solo atto di giustizia la giustificazione che dà vita s’è estesa a tutti gli uomini. 19 Poiché, siccome per la disubbidienza di un solo uomo i molti sono stati costituiti peccatori, così anche per l’ubbidienza d’un solo, i molti saran costituiti giusti. 20 Or la legge è intervenuta affinché il fallo abbondasse; ma dove il peccato è abbondato, la grazia è sovrabbondata, 21 affinché, come il peccato regnò nella morte, così anche la grazia regni, mediante la giustizia, a vita eterna, per mezzo di Gesù Cristo, nostro Signore.” (Romani cap. 5)