NESSUN RAPIMENTO SEGRETO DELLA CHIESA, PRIMA DELLA GRANDE TRIBOLAZIONE

Nessun rapimento segreto della chiesa, PRIMA della Grande Tribolazione. Perchè?

Perchè se fosse vero che la chiesa verrebbe rapita, in segreto, PRIMA della Grande Tribolazione, servirebbero TRE RISURREZIONI. Invece le Scritture parlano SOLO di DUE risurrezioni. Una dei giusti e una degli ingiusti.

Piccola premessa: Concentro questo breve scritto sulla PRIMA risurrezione che è quella che interessa ai credenti che attendono il ritorno del Salvatore Gesù cristo. La SECONDA risurrezione, come è noto quasi a tutti, si tratta del Giudizio Universale che avverrà DOPO che Gesù Cristo regnerà sulla terra per mille anni, insieme alla chiesa (Millennio). Infatti nella SECONDA risurrezione avverrà che, uomini e donne malvagi di tutti i tempi, saranno risuscitati con i loro corpi, per essere giudicati secondo le loro opere. Chi NON sarà trovato scritto nel libro della vita sarà gettato nello stagno di fuoco, per l’eternità: “Poi vidi un gran trono bianco e Colui che vi sedeva sopra, dalla cui presenza fuggiron terra e cielo; e Continua a leggere

Annunci

GESU’ CRISTO RISUSCITO’ IL TERZO GIORNO….

“Fratelli, io vi rammento l’Evangelo che v’ho annunziato, che voi ancora avete ricevuto, nel quale ancora state saldi, e mediante il quale siete salvati, 2 se pur lo ritenete quale ve l’ho annunziato; a meno che non abbiate creduto invano. 3 Poiché io v’ho prima di tutto trasmesso, come l’ho ricevuto anch’io, che Cristo è morto per i nostri peccati, secondo le Scritture; 4 che fu seppellito; che risuscitò il terzo giorno, secondo le Scritture; 5 che apparve a Cefa, poi ai Dodici. 6 Poi apparve a più di cinquecento fratelli in una volta, dei quali la maggior parte rimane ancora in vita e alcuni sono morti. 7 Poi apparve a Giacomo; poi a tutti gli Apostoli; 8 e, ultimo di tutti, apparve anche a me, come all’aborto; 9 perché io sono il minimo degli apostoli; e non son degno d’esser chiamato apostolo, perché ho perseguitato la Chiesa di Dio.” (1Corinzi 15:1-9)

IN QUALE GIORNO GESU’ MORI’ E QUANDO E’ RISUSCITATO ?

IN QUALE GIORNO GESU’ MORI’ E QUANDO E’ RISUSCITATO ?

Per comprendere questo dobbiamo prendere in considerazioni alcuni passi della scrittura.

Cominciamo con la sua risurrezione:

Matteo 28:1-7)Or nella notte del sabato, quando già albeggiava, il primo giorno della settimana, Maria Maddalena e l’altra Maria vennero a visitare il sepolcro. 2 Ed ecco si fece un gran terremoto; perché un angelo del Signore, sceso dal cielo, si accostò, rotolò la pietra, e vi sedette sopra. 3 Il suo aspetto era come di folgore; e la sua veste, bianca come neve. 4 E per lo spavento che n’ebbero, le guardie tremarono e rimasero come morte. 5 Ma l’angelo prese a dire alle donne: Voi, non temete; perché io so che cercate Gesù, che è stato crocifisso. 6 Egli non è qui, poiché è risuscitato come avea detto; venite a vedere il luogo dove giaceva. 7 E andate presto a dire a’ suoi discepoli: Egli è risuscitato da’ morti, ed ecco, vi precede in Galilea; quivi lo vedrete. Ecco, ve l’ho detto.” Continua a leggere

Non tutti morremo, ma tutti saremo mutati

Non tutti morremo, ma tutti saremo mutati

Non tutti morremo

Al ritorno di Gesù Cristo avrà luogo la resurrezione dei morti in Cristo e il mutamento di coloro che saranno trovati viventi

A proposito della resurrezione dei credenti Paolo dice ai santi di Corinto che “in Cristo saran tutti vivificati; ma ciascuno nel suo proprio ordine; Cristo, la primizia; poi quelli che son di Cristo, alla sua venuta” (1 Cor. 15:22-23), ed ai santi di Tessalonica: “Il Signore stesso, con potente grido, con voce d’arcangelo e con la tromba di Dio, scenderà dal cielo,e i morti in Cristo risusciteranno i primi…” (1 Tess. 4:16). Tra i morti in Cristo che risorgeranno ci saranno anche le anime di coloro che sono stati decollati (decapitati) per la testimonianza di Gesù e per la parola di Dio e di quelli che non hanno adorata la bestia né la sua immagine e non hanno preso il marchio sulla loro fronte e sulla loro mano (cfr. Ap. 20:4).

A proposito invece del mutamento dei viventi sempre Paolo dice ai Tessalonicesi: “… poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo insiem con loro rapiti sulle nuvole, a incontrare il Signore nell’aria; e così saremo sempre col Signore” (1 Tess. 4:17). Continua a leggere