LA DONNA E IL DRAGONE

LA DONNA E IL DRAGONE

-Chi è la “donna” che partorisce il Figliuolo maschio?

-Chi è il “Figliuolo maschio”, che viene rapito in cielo?

-Chi è la “progenie d’essa”?

Vediamo di capire chi sono questi, secondo le scritture:

Apocalisse 12:1-18 “Poi apparve un gran segno nel cielo: una donna rivestita del sole con la luna sotto i piedi, e sul capo una corona di dodici stelle. 2 Ella era incinta, e gridava nelle doglie tormentose del parto. 3 E apparve un altro segno nel cielo; ed ecco un gran dragone rosso che aveva sette teste e dieci corna e sulle teste sette diademi. 4 E la sua coda trascinava la terza parte delle stelle del cielo e le gettò sulla terra. E il dragone si fermò davanti alla donna che stava per partorire, affin di divorarne il figliuolo, quando l’avrebbe partorito. 5 Ed ella partorì un figliuolo maschio, che ha da reggere tutte le nazioni con verga di ferro; e il figliuolo di lei fu rapito presso a Dio ed al suo trono. 6 E la donna fuggì nel deserto, dove ha un luogo preparato da Dio, affinché vi sia nutrita per milleduecentosessanta giorni.” (…)13 E quando il dragone si vide gettato sulla terra, perseguitò la donna che avea partorito il figliuolo maschio.14 Ma alla donna furon date le due ali della grande aquila affinché se ne volasse nel deserto, nel suo luogo, dove è nutrita un tempo, dei tempi e la metà d’un tempo, lungi dalla presenza del serpente.15 E il serpente gettò dalla sua bocca, dietro alla donna, dell’acqua a guisa di fiume, per farla portar via dalla fiumana.16 Ma la terra soccorse la donna; e la terra aprì la sua bocca e inghiottì il fiume che il dragone avea gettato fuori dalla propria bocca.17 E il dragone si adirò contro la donna e andò a far guerra col rimanente della progenie d’essa, che serba i comandamenti di Dio e ritiene la testimonianza di Gesù.18 E si fermò sulla riva del mare.” (Apocalisse 12:1-6 e 13-18)

1) Per prima cosa, vediamo chi è il “Figliuolo maschio”, partorito dalla “donna”, secondo le scritture. Così sarà più facile poi, comprendere chi è la “donna”:

Isaia 7:14 “Perciò, il Signore stesso vi darà un segno: Ecco, la Vergine concepirà, e partorirà un Figliuolo; e tu chiamerai il suo nome Emmanuele.”

Matteo 1:21-23 “Ed ella partorirà un figliuolo, e tu gli porrai nome Gesù; perciocchè egli salverà il suo popolo da’ lor peccati. 22 Or tutto ciò avvenne, affinché si adempiesse quello che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: Ecco, la Vergine sarà gravida, e partorirà un figliuolo, il qual sarà chiamato Emmanuele; il che, interpretato, vuol dire: Dio con noi.”

Luca 1:26-33 “Al sesto mese l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città di Galilea detta Nazaret 27 ad una vergine fidanzata ad un uomo chiamato Giuseppe, della casa di Davide; e il nome della vergine era Maria. 28 E l’angelo, entrato da lei, disse: Ti saluto, o favorita dalla grazia; il Signore è teco. 29 Ed ella fu turbata a questa parola, e si domandava che cosa volesse dire un tal saluto. 30 E l’angelo le disse: Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. 31 Ed ecco tu concepirai nel seno e partorirai un figliuolo e gli porrai nome Gesù. 32 Questi sarà grande,

e sarà chiamato Figliuol dell’Altissimo, e il Signore Iddio gli darà il trono di Davide suo padre,

33 ed egli regnerà sulla casa di Giacobbe in eterno, e il suo regno non avrà mai fine.”

Come potete vedere dalle scritture che abbiamo letto, il Profeta Isaia aveva profetizzato la nascita, da una vergine, un Figliuolo maschio, che, sarà chiamato Emmanuele. Matteo e Luca confermano le parole del profeta Isaia aggiungendo che, la vergine era Maria e il Figliuolo maschio che, la vergine ha partorito, era Gesù. Per cui da queste scritture sappiamo che, questo “Figliuolo maschio” è Gesù Cristo, nato da una donna Ebrea, di nome Maria. Vediamo altre conferme, perchè la scrittura continua dicendo anche che, il “Figliuolo maschio” partorito dalla “donnaè stato portato in cielo presso Dio e il suo trono, e che un giorno dovrà reggere le nazioni con una verga di ferro. Vediamo cosa dicono le scritture in merito:

Salmo 110:1,2 “ L’Eterno ha detto al mio Signore: Siedi alla mia destra finché io abbia fatto de’ tuoi nemici lo sgabello dei tuoi piedi. 2 L’Eterno estenderà da Sion lo scettro della sua potenza: Signoreggia in mezzo ai tuoi nemici!

Geremia 23:5,6 “ Ecco, i giorni vengono, dice l’Eterno, quand’io farò sorgere a Davide un germoglio giusto, il quale regnerà da re e prospererà, e farà ragione e giustizia nel paese.6 Ai giorni d’esso, Giuda sarà salvato, e Israele starà sicuro nella sua dimora: e questo sarà il nome col quale sarà chiamato: ‘l’Eterno nostra giustizia’.”

Marco 16:19 “Il Signor Gesù dunque, dopo aver loro parlato, fu assunto nel cielo, e sedette alla destra di Dio.

Atti 1:9-11 “ E dette queste cose, mentr’essi guardavano, fu elevato; e una nuvola, accogliendolo, lo tolse d’innanzi agli occhi loro. 10 E come essi aveano gli occhi fissi in cielo, mentr’egli se ne andava, ecco che due uomini in vesti bianche si presentarono loro e dissero: 11 Uomini Galilei, perché state a guardare verso il cielo? Questo Gesù che è stato tolto da voi ed assunto in cielo, verrà nella medesima maniera che l’avete veduto andare in cielo.

Atti 2:32-36Questo Gesù, Iddio l’ha risuscitato; del che noi tutti siamo testimoni. 33 Egli dunque, essendo stato esaltato dalla destra di Dio, e avendo ricevuto dal Padre lo Spirito Santo promesso, ha sparso quello che ora vedete e udite. 34 Poiché Davide non è salito in cielo; anzi egli stesso dice: Il Signore ha detto al mio Signore: Siedi alla mia destra, 35 finché io abbia posto i tuoi nemici per sgabello de’ tuoi piedi. 36 Sappia dunque sicuramente tutta la casa d’Israele che Iddio ha fatto e Signore e Cristo quel Gesù che voi avete crocifisso.”

Efesini 1:20-23 “La qual potente efficacia della sua forza Egli ha spiegata in Cristo, quando lo risuscitò dai morti e lo fece sedere alla propria destra ne’ luoghi celesti, 21 al di sopra di ogni principato e autorità e potestà e signoria, e d’ogni altro nome che si nomina non solo in questo mondo, ma anche in quello a venire. 22 Ogni cosa Ei gli ha posta sotto ai piedi, e l’ha dato per capo supremo alla Chiesa, 23 che è il corpo di lui, il compimento di colui che porta a compimento ogni cosa in tutti.”

Ebrei 1:3 “il quale, essendo lo splendore della sua gloria e l’impronta della sua essenza e sostenendo tutte le cose con la parola della sua potenza, quand’ebbe fatta la purificazione dei peccati, si pose a sedere alla destra della Maestà ne’ luoghi altissimi”

Apocalisse 19:11-16 Poi vidi il cielo aperto, ed ecco un cavallo bianco; e colui che lo cavalcava si chiama il Fedele e il Verace; ed egli giudica e guerreggia con giustizia.12 E i suoi occhi erano una fiamma di fuoco, e sul suo capo v’eran molti diademi; e portava scritto un nome che nessuno conosce fuorché lui.13 Era vestito d’una veste tinta di sangue, e il suo nome è: la Parola di Dio.14 Gli eserciti che sono nel cielo lo seguivano sopra cavalli bianchi, ed eran vestiti di lino fino bianco e puro.15 E dalla bocca gli usciva una spada affilata per percuoter con essa le nazioni; ed egli le reggerà con una verga di ferro, e calcherà il tino del vino dell’ardente ira dell’Onnipotente Iddio. 16 E sulla veste e sulla coscia porta scritto questo nome: RE DEI RE, SIGNOR DEI SIGNORI.”

Come potete vedere, da queste altre scritture, possiamo dire con certezza che: il “Figliuol maschio” partorito dalla “donna”, è Gesù Cristo. Perchè abbiamo constatato che: Gesù Cristo è nato nella nazione di Israele e che, dopo la sua morte e risurrezione, Gesù Cristo è asceso al cielo, e si è seduto alla destra di Dio Padre. Abbiamo anche letto che, Gesù Cristo, quando ritornerà sulla terra, reggerà tutte le nazioni con una verga di ferro, regnando con autorità, su tutte le nazioni, della terra, per mille anni.

2) A questo punto, avendo fatto chiarezza, su chi fosse ilFigliuol maschio”, vediamo ora di comprendere, chi è questa donna” che, ha partorito il “Figliuolo maschio”.

Premessa: RICORDIAMOCI che, nelle profezie, il termine, “donna” o “prostituta”, spesse volte è riferito a una città, oppure a una nazione. Per capire meglio questo, leggiamo alcuni passi nelle scritture dove Dio, riferendosi ad Israele, la chiama “donna” o “prostituta”.

Isaia 54:6 “Perciocchè il Signore ti ha chiamata, come una donna abbandonata, e tribolata di spirito; e come una moglie sposata in giovanezza, che sia stata mandata via, ha detto il tuo Dio.”

Geremia 3:6-10 e 20 “L’Eterno mi disse al tempo del re Giosia: ‘Hai tu veduto quello che la infedele Israele ha fatto? È andata sopra ogni alto monte e sotto ogni albero verdeggiante, e quivi s’è prostituita.7 Io dicevo: Dopo che avrà fatto tutte queste cose, essa tornerà a me; ma non è ritornata; e la sua sorella, la perfida Giuda, l’ha visto. 8 E benché io avessi ripudiato l’infedele Israele a cagione di tutti i suoi adulterî e le avessi dato la sua lettera di divorzio, ho visto che la sua sorella, la perfida Giuda, non ha avuto alcun timore, ed è andata a prostituirsi anch’essa. 9 Col rumore delle sue prostituzioni Israele ha contaminato il paese, e ha commesso adulterio con la pietra e col legno; 10 e nonostante tutto questo, la sua perfida sorella non è tornata a me con tutto il suo cuore, ma con finzione, dice l’Eterno’.” (…) “20 Ma, proprio come una donna è infedele al suo amante, così voi mi siete stati infedeli, o casa d’Israele! dice l’Eterno.”

Geremia 6:2 “Io avea fatta la figliuola di Sion simile ad una donna bella e delicata.”

Lamentazioni 1:17 “Sion distribuisce il pane a sè stessa con le sue proprie mani; Non ha niuno che la consoli. Il Signore ha data commessione contro a Giacobbe; I suoi nemici son d’intorno a lui; Gerusalemme è in mezzo di essi come una donna immonda.”

Come potete vedere, alcune volte, Dio si rivolgeva alla nazione di Israele, come se Israele fosse una donna, oppure come se fosse una prostituta. Per cui, anche in questo caso, il Signore, riferendosi alla nazione di Israele, fa vedere a Giovanni una “donna” che partorisce un figlio. Quindi possiamo dire che, la “donna” che ha partorito il “Figliuolo maschio” è la nazione di Israele. Infatti come quasi tutti sanno, Gesù è nato in Israele e precisamente in una piccola città chiamata Betlehem. Da notare anche che, la “donna”, aveva una corona con dodici stelle sulla testa. Proprio come la nazione di Israele che è composta da dodici Tribù. E a conferma di questo leggiamo nel Libro della Genesi dove è narrato un sogno, fatto da Giuseppe, figlio di Giacobbe: “Egli ebbe ancora un altro sogno, e lo raccontò ai suoi fratelli, dicendo: ‘Ho avuto un altro sogno! Ed ecco che il sole, la luna e undici stelle mi s’inchinavano dinanzi’. 10 Ei lo raccontò a suo padre e ai suoi fratelli; e suo padre lo sgridò, e gli disse: ‘Che significa questo sogno che hai avuto? Dovremo dunque io e tua madre e i tuoi fratelli venir proprio a inchinarci davanti a te fino a terra?’” (Genesi 37:9,10) Vedete? Giacobbe ha compreso bene il sogno di Giuseppe e si è adirato, dopo averlo sentito. Infatti Giacobbe ha compreso che, il sole, la luna e le undici stelle, più Giuseppe, rappresentavano la nazione di Israele. Per cui possiamo affermare con sicurezza che, la “donna” che ha partorito il Figliuol maschio, (Gesù Cristo), è la nazione di Israele.

Vorrei precisare anche che, questa “donnaNON è il moderno Stato di Israele, così com’è, perché, dopo che Dio ha disperso le dodici Tribù di Israele, in mezzo a tutte le nazioni del mondo, scacciandoli dalla terra promessa, molti di loro NON sono più ritornati in Israele. Nemmeno dopo la cattività in Babilonia, durata settantanni, gli Israeliti sono ritornati in Israele, perchè sappiamo dalle scritture che, in quel tempo, SOLO una parte della Tribù di Giuda e di Levi, è ritornata in Israele. Il resto delle altre Tribù, NON sono mai ritornate, sono ancora dispersi. In questo moderno Stato di Israele, nato nel 1948, c’è molta gente di altri popoli e nazioni che, negli anni si sono SOLAMENTE convertiti all’Ebraismo, ma NON sono veri Ebrei di origine Ebraica. Però è vero che, in mezzo al moderno Stato di Israele ci sono molti veri Ebrei che discendono da Abrahamo Isacco e Giacobbe. Sempre in mezzo a questo moderno Stato, ci sono pure tanti Ebrei che, hanno accettato come Salvatore delle anime loro, Gesù Cristo, il Messia promesso da Dio a Israele. Questi Ebrei, appunto sono chiamati “Ebrei Messianici”, e fanno parte della chiesa, della sposa dell’Agnello. Quindi, questa “donna” è il vero Israele, la vera discendenza di Abrahamo, d’Isacco e di Giacobbe. Come ho scritto prima, la stragrande maggioranza di questa nazione, del vero Israele, vive ancora disperso in mezzo a tutte le nazioni del mondo, e ancora oggi NON sono mai ritornati dall’esilio. Ma saranno ricondotti in Israele, nella terra promessa ad Abramo, dal Signore stesso, DOPO il suo ritorno sulla terra. Infatti il Signore dice in Isaia: “In quel giorno, il Signore stenderà una seconda volta la mano per riscattare il residuo del suo popolo rimasto in Assiria e in Egitto, a Pathros e in Etiopia, ad Elam, a Scinear ed a Hamath, e nelle isole del mare.12 Egli alzerà un vessillo verso le nazioni, raccoglierà gli esuli d’Israele, e radunerà i dispersi di Giuda dai quattro canti della terra.” (Isaia 11:11,12) E anche: “‘Così parla l’Eterno, l’Iddio d’Israele: Scriviti in un libro tutte le parole che t’ho dette; 3 poiché, ecco, i giorni vengono, dice l’Eterno, quando io ritrarrò dalla cattività il mio popolo d’Israele e di Giuda, dice l’Eterno, e li ricondurrò nel paese che diedi ai loro padri, ed essi lo possederanno’.” (…) “8 In quel giorno, dice l’Eterno degli eserciti, io spezzerò il suo giogo di sul tuo collo, e romperò i tuoi legami; e gli stranieri non ti faran più loro schiavo; 9 ma quei d’Israele serviranno l’Eterno, il loro Dio, e Davide lor re, che io susciterò loro. 10 Tu dunque, o Giacobbe, mio servitore, non temere, dice l’Eterno; non ti sgomentare, o Israele; poiché, ecco, io ti salverò dal lontano paese, salverò la tua progenie dalla terra della sua cattività; Giacobbe ritornerà, sarà in riposo, sarà tranquillo, e nessuno più lo spaventerà.” (Geremia 30:2,3 e 8-10)

Queste profezie, e tante altre, NON si sono mai adempiute nel passato, ma si adempieranno nel Millennio, DOPO che il Signore Gesù Cristo, sarà ritornato e DOPO che, abbia instaurato il regno di mille anni, sulla terra. Sappiamo anche che, il moderno Stato di Israele, nato nel 1948, è sempre stato in guerra, con le nazioni vicine, NON ha mai avuto la vera pace. Ma troverà la vera pace, SOLAMENTE sotto il governo di Gesù Cristo. Infatti, in quel tempo, Israele vivrà in pace e nessuno MAI li spaventerà, proprio come ha scritto il profeta. Per questi motivi esposti possiamo affermare che, la “donnaNON è il moderno Stato di Israele, così com’è. Ma come abbiamo constatato dalle scritture, la “donna” è il vero Israele, la progenie di Abrahamo, di Isacco e di Giacobbe.

3) La “donna”, potrebbe invece essere la Chiesa, la sposa dell’Agnello, come alcuni dicono? NO! Vediamo perché, questa “donnaNON è la chiesa, rileggiamo il verso 14:

Ma alla donna furon date le due ali della grande aquila affinché se ne volasse nel deserto, nel suo luogo, dove è nutrita un tempo, dei tempi e la metà d’un tempo, lungi dalla presenza del serpente.”

Questa “donnaNON può essere la chiesa rapita, prima della grande tribolazione, come alcuni insegnano. Perché? Perchè a questa “donna” verranno date due ali della grande aquila” affinché se ne volasse nel deserto”. In pratica Giovanni dice che, a questa “donna” sarà dato un aiuto a fuggire nel deserto, lontano dal serpente. Inoltre, non so se avete notato, la “donna” che fugge nel deserto, deve essere anche NUTRITA, (cibata), per un tempo, dei tempi e la metà d’un tempo”, (tre anni e mezzo). Però, noi sappiamo che, secondo le parole dell’apostolo Paolo, la chiesa al ritorno di Gesù Cristo, verrà MUTATA, cioè trasformata e PORTATA IN CIELO. Leggiamo: “Ecco, io vi dico un mistero: Non tutti morremo, ma tutti saremo mutati, 52 in un momento, in un batter d’occhio, al suon dell’ultima tromba. Perché la tromba sonerà, e i morti risusciteranno incorruttibili, e noi saremo mutati.” (1Corinzi 15:51,52)

Questo vuol dire che la chiesa, al ritorno del Signore, riceverà un corpo spirituale, un corpo incorruttibile e non avrà più bisogno di essere NUTRITA, (cibata), per vivere, nè di essere nascosta in un deserto, per un pò di tempo. Perché, noi sappiamo anche che, quando la chiesa verrà rapita, andrà a incontrare il Signore nell’aria; e SAREMO SEMPRE con il Signore, come dice l’apostolo Paolo: “Poiché questo vi diciamo per parola del Signore: che noi viventi, i quali saremo rimasti fino alla venuta del Signore, non precederemo quelli che si sono addormentati;16 perché il Signore stesso, con potente grido, con voce d’arcangelo e con la tromba di Dio, scenderà dal cielo, e i morti in Cristo risusciteranno i primi;17 poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo insieme con loro rapiti sulle nuvole, a incontrare il Signore nell’aria; e così saremo sempre col Signore.18 Consolatevi dunque gli uni gli altri con queste parole.” (1Tessalonicesi 4:15-18)

Come vedete, Paolo dice che, la chiesa sarà portata in cielo e rimarrà SEMPRE con il Signore, NON verrà portata in un deserto e nascosta per tre anni e mezzo, per evitare la Grande Tribolazione. Per cui, sapendo questo, possiamo immaginare che, negli ultimi anni, al tempo della Grande Tribolazione, Israele crederà in un falso messia, (l’anticristo) e nel falso profeta. Poi, quando Israele si renderà conto di essere stato ingannato, da questi due personaggi, invocherà Dio per essere liberato da questi impostori. Allora il Signore risponderà a Israele, come un tempo, dandogli un aiuto, due ali della grande aquila”, per scappare in un deserto, nel luogo preparato da Dio. Per comprendere cosa sono le “ali della grande aquila”, leggiamo nel Libro dell’Esodo: “E Mosè salì verso Dio; e l’Eterno lo chiamò dal monte, dicendo: ‘Di’ così alla casa di Giacobbe, e annunzia questo ai figliuoli d’Israele: 4 Voi avete veduto quello che ho fatto agli Egiziani, e come io v’ho portato sopra ali d’aquila e v’ho menato a me.” (Esodo 19:3,4). Avete letto? Dio, ha paragonato tutto l’aiuto che ha dato a Israele, quando lo ha fatto uscire dalla schiavitù di Egitto, come se li avesse portato sopra le “ali di un’aquila”. Noi invece sappiamo che, è stato Dio ha liberare Israele, da Faraone e dal suo esercito, senza l’aiuto di nessuna “aquila”. Per cui, possiamo dire che, come Dio ha liberato Israele con potente mano, dalla schiavitù d’Egitto, così, in futuro Dio aiuterà anche la “donna”, il vero Israele, a fuggire nel deserto, nel luogo preparato da Dio.

Un altro motivo importante, del perché questa “donnaNON può essere la chiesa, rapita prima della Grande Tribolazione, lo troviamo scritto nel Libro dell’Apocalisse. Dove, come vedremo, il rapimento della chiesa viene chiamato da Giovanni, “prima risurrezione”. Questa “prima risurrezione”, sarà un unico evento e avverrà al ritorno di Gesù Cristo sulla terra, sul finire della grande tribolazione. Perché? Perchè in questa “prima risurrezione”, Giovanni vede prenderne parte anche i CREDENTI che, verranno uccisi, durante la Grande Tribolazione. Infatti questi credenti verranno uccisi perchè NON AVEVANO ADORATO la bestia né la sua immagine e NON AVEVANO PRESO IL SUO MARCHIO, SULLA FRONTE E SULLA MANO. Leggiamo: “Poi vidi dei troni; e a coloro che vi si sedettero fu dato il potere di giudicare. E vidi le anime di quelli che erano stati decollati per la testimonianza di Gesù e per la parola di Dio, e di quelli che non aveano adorata la bestia né la sua immagine, e non aveano preso il marchio sulla loro fronte e sulla loro mano; ed essi tornarono in vita, e regnarono con Cristo mille anni. 5 Il rimanente dei morti non tornò in vita prima che fosser compiti i mille anni. Questa è la prima risurrezione. 6 Beato e santo è colui che partecipa alla prima risurrezione. Su loro non ha potestà la morte seconda ma saranno sacerdoti di Dio e di Cristo e regneranno con lui quei mille anni.” (Apocalisse 20:4-6) Quindi, questo vuol dire che, tutti questi credenti perseguitati e uccisi, erano ancora sulla terra, al tempo della Grande Tribolazione. Quando appunto l’anticristo imporrà agli uomini il suo marchio e pretenderà l’adorazione dagli uomini, e chi NON si sottometterà a lui, verrà ucciso. NON solo questo, oltre a vedere i martiri, della Grande Tribolazione prendere parte alla prima risurrezione, Giovanni dice anche che, questi martiri regnarono con Cristo per mille anni. Quindi è chiaro che, questi martiri fanno parte della chiesa, della sposa dell’Agnello. Per cui come potranno essere rapiti PRIMA della Grande tribolazione, se questi martiri moriranno durante la Grande Tribolazione? Non vi pare? Questo vuol dire allora che, questi martiri, VERRANNO RISUSCITATI, al ritorno di Gesù Cristo, insieme a tutti gli altri credenti, sul finire della Grande Tribolazione. Perchè se fosse vero che, la chiesa verrà rapita, PRIMA della Grande Tribolazione, dovremmo parlare di TRE risurrezioni. UNA per tutti i credenti morti, PRIMA della Grande Tribolazione. La SECONDA per tutti gli altri credenti che, moriranno durante Grande Tribolazione, e la TERZA, alla fine dei mille anni, per tutti i NON credenti, nel Giudizio Universale.

Per questi motivi, possiamo dire che, il rapimento della chiesa, avverrà sul finire della Grande Tribolazione, e sarà un UNICO EVENTO, anche perché la chiesa è UNA. E sempre per questi motivi, possiamo dire che, la “donna”, che ha partorito il “Figliuolo maschioNON è la chiesa, la sposa dell’Agnello.

4) A questo punto vediamo di capire meglio chi è la “progenie d’essa” che viene perseguitata:

E il dragone si adirò contro la donna e andò a far guerra col rimanente della progenie d’essa, che serba i comandamenti di Dio e ritiene la testimonianza di Gesù.” verso 17

Ora sapendo che, la “donnaNON è il moderno Stato di Israele, così com’è. Possiamo dire che, la “progenie d’essa”, che “serba i comandamenti di Dio”, SONO tutti gli uomini e donne, di ogni nazione e lingua, compreso Israele, che hanno creduto o crederanno nel Salvatore Gesù Cristo. Questi SONO la progenie spirituale di Abrahamo, chiamata anche: “l’Israele di Dio” o “Giacobbe”. Infatti, la chiesa, la Sposa dell’Agnello, SONO TUTTI COLORO che hanno creduto o crederanno che, Dio ha mandato il Suo Unigenito Figliuolo Gesù Cristo, a morire sulla croce, versando il suo sangue per i nostri peccati; e che Dio lo ha risuscitato dai morti al terzo giorno, a cagione della giustificazione di tutti coloro che credono. Infatti, tutti coloro che, CREDONO PER FEDE, nella maniera di Abrahamo, sono la progenie spirituale di Abrahamo. Quindi “la PROGENIE D’ESSA”, (della donna che ha partorito il figliuolo maschio), che “serba i comandamenti di Dio” è LA CHIESA, la sposa dell’Agnello che, durante la Grande Tribolazione si troverà ancora sulla terra e sarà perseguitata dall’anticristo e dal falso profeta. Quindi possiamo dire anche che: la “progenie d’essa”, NON è il moderno stato di Israele, e NON nemmeno il vero Israele disperso fra le nazioni. Anche perché sappiamo che, la nazione di Israele, E’ ANCORA UNA NAZIONE INCREDULA, e quindi NONserba i comandamenti di Dio”. Purtroppo Israele NON ha creduto in Gesù Cristo, il Figliuolo di Dio, il Messia mandato da Dio, circa duemila anni fa, sta ANCORA aspettando il Messia. Poi quando, negli ultimi tempi, si presenterà l’anticristo, il falso messia, l’empio, il figliuolo della perdizione, Israele sarà ingannato da costui e lo accetterà come messia, pagandone le conseguenze a caro prezzo.

Riepilogando, abbiamo visto che:

Al punto 1) Il “Figliuolo maschioè Gesù Cristo, il Messia promesso da Dio.

Al punto 2) La “donnaè il vero Israele, la progenie di Abrahamo, di Isacco e Giacobbe.

Al punto 3) La donna NON è la chiesa, la sposa dell’Agnello.

Al punto 4) La “Progenie d’essaè la chiesa, la sposa dell’Agnello, l’Israele di Dio.

Concludo dicendo che: il gran dragone, il serpente antico, che è chiamato Diavolo e Satana, il seduttore di tutto il mondo, negli ultimi tempi, sapendo di avere poco tempo a disposizione, manifesterà tutta la sua rabbia verso Israele. Poi quando la “donna”, il (vero Israele) fuggirà nel deserto, con l’aiuto di Dio, il dragone, attraverso l’anticristo riverserà tutta la sua ira sulla “progenie d’essa”, (la chiesa), la (sposa dell’Agnello) che, durante la Grande Tribolazione, “serba i comandamenti di Dio”. Infatti, durante la Grande Tribolazione, il dragone, il diavolo perseguiterà il popolo di Dio, attraverso due personaggi che, noi conosciamo con il nome di, anticristo, il figliuolo della perdizione, l’empio, l’uomo del peccato, l’avversario e anche dal falso profeta.

Giuseppe Palamara

Annunci

IL BATTESIMO PER I MORTI ???

IL BATTESIMO PER I MORTI ???

Altrimenti, che faranno quelli che son battezzati per i morti? Se i morti non risuscitano affatto, perché dunque son essi battezzati per loro? “ 1Corinzi 15:29

Alcuni credono che, l’Apostolo Paolo, con queste parolesi stesse riferendo a delle persone nella chiesa di Corinto, che avevano l’usanza dibattezzare i credenti per procura. Cioè, per procura si intende,quando un credente si fa battezzare in favore di una persona appena morta, senza che quest’ultimo abbia avuto il tempo di ricevere il battesimo, mentre era in vita.

Purtroppo ancora oggi la setta dei Mormoni e qualche comunità cristiana evangelica, praticano questo battesimo per procura. Battesimo, che come vedremopiù avanti è sbagliato e INUTILE. Continua a leggere

NESSUN RAPIMENTO SEGRETO DELLA CHIESA, PRIMA DELLA GRANDE TRIBOLAZIONE

Nessun rapimento segreto della chiesa, PRIMA della Grande Tribolazione. Perchè?

Perchè se fosse vero che la chiesa verrebbe rapita, in segreto, PRIMA della Grande Tribolazione, servirebbero TRE RISURREZIONI. Invece le Scritture parlano SOLO di DUE risurrezioni. Una dei giusti e una degli ingiusti.

Piccola premessa: Concentro questo breve scritto sulla PRIMA risurrezione che è quella che interessa ai credenti che attendono il ritorno del Salvatore Gesù cristo. La SECONDA risurrezione, come è noto quasi a tutti, si tratta del Giudizio Universale che avverrà DOPO che Gesù Cristo regnerà sulla terra per mille anni, insieme alla chiesa (Millennio). Infatti nella SECONDA risurrezione avverrà che, uomini e donne malvagi di tutti i tempi, saranno risuscitati con i loro corpi, per essere giudicati secondo le loro opere. Chi NON sarà trovato scritto nel libro della vita sarà gettato nello stagno di fuoco, per l’eternità: “Poi vidi un gran trono bianco e Colui che vi sedeva sopra, dalla cui presenza fuggiron terra e cielo; e Continua a leggere

MEDITAZIONE SULL’ADULTERIO E SULLE SECONDE NOZZE

MEDITAZIONE SULL’ADULTERIO E SULLE SECONDE NOZZE

Gesù rispondendo ai Farisei dice: “Ed io vi dico che chiunque manda via sua moglie, quando non sia per cagion di fornicazione, e ne sposa un’altra, commette adulterio.” (Matteo 19:9)

Con questa risposta Gesù ha autorizzato le seconde nozze?? NO, ASSOLUTAMENTE!

Teniamo in mente che: la fornicazione è l’atto sessuale che si compie, tra un uomo e una donna non sposati. Invece per chi è sposato, quando uno dei due coniugi ha un rapporto sessuale con un’altra persona, al di fuori del matrimonio, la fornicazione diventa adulterio. Quindi chi, da sposato, ha rapporti carnali con altre persone, al di fuori del matrimonio, commette adulterio verso l’altro coniuge. Questo vale, per tutti gli uomini e donne, di tutte le nazioni, davanti a Dio.

Ora per comprendere bene le parole di Gesù, dobbiamo capire a chi erano rivolte quelle parole, ed anche vedere cosa dicono le altre scritture, in merito al matrimonio. Leggiamo: Continua a leggere

NESSUNO HA MAI SENTITO LA VOCE DEL PADRE!

NESSUNO HA MAI SENTITO LA VOCE DEL PADRE!

Gesù Cristo, dentro al Tempio di Gerusalemme, parlando con i Giudei del Padre, ha detto che, NESSUNO ha mai UDITO la sua voce, e NESSUNO ha mai VISTO le sue sembianze.

-Giovanni 5:37-39 E il Padre che mi ha mandato, ha Egli stesso reso testimonianza di me. La sua voce, voi non l’avete mai udita; e il suo sembiante, non l’avete mai veduto; 38 e la sua parola non l’avete dimorante in voi, perché non credete in colui ch’Egli ha mandato. 39 Voi investigate le Scritture, perché pensate aver per mezzo d’esse vita eterna, ed esse son quelle che rendon testimonianza di me;”

Gesù Cristo ha detto altre volte, ai Giudei, che nessuno ha MAI VISTO il Padre. Leggiamo: Continua a leggere

La Famiglia di Gesù Cristo

La Famiglia di Gesù Cristo

Gesù Cristo era figlio unico o Maria ebbe altri figli?

Se analizziamo bene le scritture, scopriamo che Gesù NON è stato figlio unico, perché, dopo la nascita di Gesù, Maria ebbe dei figli con Giuseppe. Infatti i Vangeli dicono che Gesù aveva dei fratelli che si chiamavano: Giacomo, Giosè, (o Giuseppe), Giuda e Simone. Aveva anche delle sorelle, di cui una si chiamava Salome o Salomè.

Per primo leggiamo nei Vangeli, dove si parla della nascita di Gesù, per capire se Maria è stata sempre vergine, oppure no: Continua a leggere

IL SERPENTE DI RAME

IL SERPENTE DI RAME

Dopo che Dio ha liberato gli Israeliti dalla schiavitù d’Egitto, il Signore stesso, lungo il cammino per la terra promessa, ha mostrato al popolo di Israele, il futuro sacrificio di Cristo, in diversi modi. La prima volta è stata nelle acque amare in Mara, Esodo 15:22-26. La seconda volta nella roccia in Horeb e in Kades, Esodo 17:1-7 e Numeri 20:1-13. (Leggi i miei scritti: LE ACQUE DI MARA, il legno gettato nelle acque”, ed anche: “La roccia in Horeb e la roccia in kades”, su questo sito.

In questo scritto vedremo come Dio, per la terza volta, dopo che gli Israeliti sono usciti dall’Egitto, gli fa vedere il futuro sacrificio di Gesù Cristo, nel serpente ardente di rame. Continua a leggere